Vaginite da GARDNERELLA

L’organismo responsabile è la Gardnerella Vaginalis. Fino alla sua identificazione (1978) queste infiammazioni vaginali (identificate come forma clinica già nel 1955) venivano denominate aspecifiche. La VAGINITE DA GARDNERELLA VAGINALIS è un’infiammazione della vagina molto comune e caratterizzata da abbondante leucorrea (perdita vaginale) grigiastra e da odore fetido (pesce) che peggiora dopo un rapporto sessuale; il prurito, il bruciore ed il dolore possono essere minimi o assenti. Rara è l’estensione dell’infezione alla cervice uterina.

Molti ritengono che la vaginite da Gardnerella Vaginalis vada considerata una Malattia Sessualmente Trasmissibile e sia l’uomo che la donna possono esserne portatori asintomatici. E’ opportuno quindi che la terapia (preferibilmente sistemica) venga estesa sempre anche al partner. Molto adoperato è il Metronidazolo che richiede una temporanea sospensione dell’utilizzo di bevande alcoliche. Esiste anche la possibilità di un trattamento locale con ovuli e creme che è da preferire in gravidanza accertata o presunta; in gravidanza è comunque possibile una terapia alternativa sistemica con Ampicillina o Cefalosporine (ma sono meno efficaci).

Consigliamo di effettuare sempre un tampone vaginale di controllo entro 10 giorni dalla fine della terapia. La percentuale di guarigione dopo un primo ciclo terapeutico è infatti pari all’85% dei casi.

The following two tabs change content below.
Dott. Filiberto Di Prospero
Specialista in Ginecologia e Ostetricia, Endocrinologia e Metabolismo. Direttore dell’Unità di Endocrinologia Ginecologica presso l’Ospedale Santa Lucia di Civitanova Marche 62012. Visita a Civitanova Marche (Macerata), Milano e Roma. Prenotazioni tel. +39 337 634491 Numero Verde (rete fissa) 800131014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.