UN PASSO INDIETRO – dicembre 2008

Dicembre è il momento giusto per le “buone azioni” e così eccoci tempestati da inviti ad adozioni a distanza, a donazioni, a cene e spettacoli di beneficenza; ecco che si fanno vive associazioni vecchie e nuove che chiedono soldi per la ricerca scientifica e la lotta contro alcune malattie. Questo clima di buonismo ostentato e di carità moderna da sms, sponsorizzata talvolta anche da persone che tutt’altro fanno che una vita caritatevole ho forti, anzi fortissimi dubbi che possa servire a qualche cosa di veramente utile.

 

A parte la netta sensazione che il business sia spesso dietro questa “carità ad orologeria”, il timore è quello che nonostante questa ennesima ondata di bontà alla fine i problemi rimarranno purtroppo sempre li circondati solo da parole, buoni propositi ed annunci; elementi questi ultimi caratterizzanti la nostra società moderna dove la concretezza, il buon senso ma principalmente la percezione del sociale come bene comune sono letteralmente spariti.

Facciamo un passo indietro e lasciamo la carità all’intimità di ciascuno di noi, al senso di solidarietà che dovremmo coltivare nei giovani e mantenere vivo con il nostro comportamento quotidiano. Se volete davvero fare un atto di bontà non dovrete certamente andare lontano per trovare una persona povera o in difficoltà; non sarà difficile fare un gesto concreto di aiuto.

Riconduciamo la solidarietà fuori dagli interessi commerciali di chi è riuscito a lucrare anche sulla povera gente.

La carità è una cosa bella ma non è lo strumento per migliorare, stimolare la ricerca scientifica; che invece deve basarsi su interventi strutturali ed investimenti economici duraturi nel tempo e principalmente liberi da regole clientelari, familiari, paternalistiche, interessi politici. Diffidate quindi dagli “scienziati” che fanno politica o che trovano il tempo per passare da un programma televisivo all’altro; i veri scienziati difficilmente li conoscerete perché non hanno alcun interesse a partecipare allo show della solidarietà.

The following two tabs change content below.
Dott. Filiberto Di Prospero
Specialista in Ginecologia e Ostetricia, Endocrinologia e Metabolismo. Direttore dell’Unità di Endocrinologia Ginecologica presso l’Ospedale Santa Lucia di Civitanova Marche 62012. Visita a Civitanova Marche (Macerata), Milano e Roma. Prenotazioni tel. +39 337 634491 Numero Verde (rete fissa) 800131014
Dott. Filiberto Di Prospero

Dott. Filiberto Di Prospero

Specialista in Ginecologia e Ostetricia, Endocrinologia e Metabolismo. Direttore dell’Unità di Endocrinologia Ginecologica presso l’Ospedale Santa Lucia di Civitanova Marche 62012. Visita a Civitanova Marche (Macerata), Milano e Roma. Prenotazioni tel. +39 337 634491 Numero Verde (rete fissa) 800131014 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.