PERIARTRITE DI SPALLA E OSTEOPATIA

periartrite spallaLa periartrite scapolo-omerale ( o dolore di spalla) è una problematica a carico della spalla che colpisce i tessuti molli che circondano l’articolazione: tendini, borse e tessuto connettivo.

È una sindrome particolarmente dolorosa che può insorgere a seguito di un trauma oppure spontaneamente, soprattutto in soggetti che effettuano i medesimi movimenti, ripetuti nel tempo.

L’infiammazione della spalla è la causa del dolore e, dopo aver consultato lo specialista , e attraverso gli esami diagnostici, è possibile valutare quale sia la regione anatomica colpita.  Nella maggior parte dei casi vengono riscontrate :

  • Tendinopatia della cuffia dei rotatori
  • Lesione totale o parziale del tendine sovra spinoso
  • Borsite scapolo omerale
  • Borsite acromion claveare
  • Lesione del CLB (capo lungo del bicipite)
  • Sindrome della spalla congelata

Questo genere di dolore è altamente invalidante poiché quasi sempre prevede l’immobilità dell’arto.

Le cause sono per lo più degenerative e si manifestano, di solito, con un’importante riduzione del range di movimento ed hanno il loro culmine in un dolore acuto improvviso.

Una volta accertata la localizzazione della lesione, lo specialista oltre a prescrivere farmaci antidolorifici e antinfiammatori, indirizza il paziente verso il fisioterapista e l’osteopata.

Il trattamento osteopatico è da considerarsi elettivo per le patologie in cui l’ampiezza di movimento dell’articolazione è diminuita.

L’osteopata dispone di molteplici tecniche che agiscono sia sulla mobilità articolatoria che sul dolore ; quest’ultimo non è un aspetto da trascurare poiché i pazienti lamentano dolore soprattutto durante i movimenti e questo determina un’incapacità di svolgere gli atti quotidiani della vita ( lavarsi, pettinarsi, vestirsi), non di rado  è compromesso il riposo notturno.

Le tecniche utilizzate sono esclusivamente manuali ed indolori.  Attraverso le manipolazioni, vengono rilasciati i tessuti molli che fino a quel momento erano rigidi e questo provoca un immediata sensazione di benessere che il paziente descrive come “leggerezza”.

A volte ,quando il dolore è conclamato da molto tempo, può sopraggiungere anche cervicalgia e/o dorsalgia , questo perché il nostro organismo ci invita ad assumere delle “posizioni antalgiche” per rendere sopportabile il dolore. Questo , a lungo andare, provoca ipertonia delle masse paravertebrali, con conseguente algia.

Qualora il quadro clinico preveda l’intervento chirurgico, l’aiuto dell’osteopata può essere prezioso sia prima dell’operazione (poiché abbassa l’infiammazione a livello locale), sia nel post operatorio in quanto favorisce il recupero.

Inoltre il professionista può consigliare degli esercizi specifici cosi da evitare recidive.

The following two tabs change content below.

Francesca Paciotti

Osteopata diplomata presso AIOT di pescara. Attualmente assistente presso Istituto Romano di Medicina Osteopatica di Pescara. Riceve: Poliambulatorio Eurocenter VenaLinfa San Benedetto del Tronto (AP); Centro Halos Castelfidardo (AN); Physiohealth Colonnella (TE). Tel 347/7057897

Francesca Paciotti

Osteopata diplomata presso AIOT di pescara. Attualmente assistente presso Istituto Romano di Medicina Osteopatica di Pescara. Riceve: Poliambulatorio Eurocenter VenaLinfa San Benedetto del Tronto (AP); Centro Halos Castelfidardo (AN); Physiohealth Colonnella (TE). Tel 347/7057897 

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *