Obesità femminile. Quali strategie per vincere?

obesità nella donna

L’obesità nella donna ha una distribuzione diversa rispetto allumo ed importanti conseguenze metaboliche ed oncologiche.

L’obesità nella donna ha caratteristiche e conseguenze particolari, basti pensare al suo ruolo importante nel rischio oncologico. Diete ipocaloriche computerizzate sempre più sofisticate rispondono oggi alle esigenze ed alle caratteristiche cliniche della singola paziente; unite ad un cambiamento dello stile di vita e ad un programma di attività fisica costituiscono la strategia vincente per questa malattia.
Parole chiave di questo articolo: donna, obesità, dieta, dieta computerizzata, attività fisica, strategie, cure.

 UN’ EMERGENZA SANITARIA PER I PAESI OCCIDENTALI.
L’obesità oltre a problemi estetici e di vita di relazione è soprattutto un importante problema medico. E’ infatti correlata ad una maggiore incidenza di malattie come diabete, ipertensione, arteriosclerosi, patologia cardiovascolare, tumori, malattie degenerative ossee; in sostanza quindi diminuisce sensibilmente la qualità e la durata di vita dei soggetti colpiti in maniera strettamente dipendente dalla sua gravità. L’obesità è quindi una malattia, un grave pericolo non solo per le persone colpite ma anche per i sistemi sanitari nazionali; quello degli Stati Uniti ad esempio la stanno affrontando a livello di vera emergenza.

IL TESSUTO ADIPOSO E LA DONNA.
Una relazione davvero speciale. Ricordo che anni fa dedicai un intero congresso su questa interessantissima relazione: il grasso è infatti molto importante per la normali funzioni fisiologiche della donna; può essere considerato un autentico compartimento endocrino ed una riserva di energia, oltre ad avere una importante funzione estetica e metabolica legate alle specifiche aree dove è prevalentemente distribuito: fianchi e  seni in età riproduttiva, addome dopo la menopausa. Variazioni quantitative e qualitative (distribuzione) hanno importanti effetti sulla funzione riproduttiva e sul metabolismo femminili.

ASPETTI PARTICOLARI IN GINECOLOGIA.
Vorrei ora esaminare in particolare alcuni aspetti dell’obesità che riguardano il sesso femminile.
I disturbi più comuni riguardano le mestruazioni che possono anche mancare (amenorrea) per lunghi periodi di tempo; frequente è anche l’associazione con l’infertilità e con una patologia disfunzionale delle ovaie denominata Policistosi Ovarica.
Nelle donne obese sono poi più frequenti disturbi della statica del pavimento pelvico che possono determinare prolassi genitali ed incontinenza urinaria. Ma con il passare degli anni l’obesità diventa anche un importante fattore di rischio oncologico, in particolare per l’utero e la mammella.

LA MOTIVAZIONE: COMPRENDERE AIUTA A FARE SCELTE CORAGGIOSE.
Spesso si tratta proprio di cambiare vita; la lotta all’obesità richiede proprio questo. Sono profondamente convinto che il successo di un’azione così drammatica passi principalmente attraverso una adeguata informazione circa i rischi di questa condizione patologica.
Solo in questo modo si può arrivare ad una indispensabile forte motivazione del paziente.
Sappiamo tutti che è molto più semplice, tanto per i medici che per i pazienti, tentare di liquidare tutto con una o due compresse al giorno piuttosto che affrontare un lungo colloquio, un vero consueling. Bisogna infatti aiutare il paziente a vedere realmente il problema e le sue soluzioni, ad avere la capacità di affrontare rinunce e sacrifici rafforzando la sua determinazione. La via d’uscita non sarà mai nelle pillole ma nella consapevolezza del problema.
Invito spesso le mie pazienti a leggere articoli sul fitness, a riscoprire come si può diventare più belle ed attraenti e più sane in modo del tutto naturale e duraturo nel tempo. Illustro spesso anche i grandi vantaggi sulla qualità, enfatizzando l’importanza dei primi iniziali successi.

ATTIVITA’ FISICA.
Normalmente consiglio una moderata attività fisica aerobica giornaliera; molto utili 30-40 minuti di passeggiata a passo veloce che permettano di raggiungere una leggera sudorazione senza alterare il respiro e la capacità di conversare. Consiglio di fare queste passeggiate in compagnia quando possibile, perchè il tempo passa più velocemente e condividendo l’esperienza si può anche aumentare la propria determinazione e migliorare l’umore. L’attività aerobica è ideale per consumare i grassi (gli zuccheri vengono consumati prevalentemente quando si va in debito di ossigeno tipicamente durante sforzi abbastanza intesi) e non stimola la fame che rischia di vanificare i nostri sforzi. Molte pazienti mi hanno fatto notare che cambiamenti di percorso o di orario le hanno aiutate talvolta a scoprire o riscoprire un mondo circostante altrimenti dimenticato. Vi assicuro che può essere un’esperienza molto piacevole ed a costo ovviamente contenutissimo (un buon paio di scarpe confortevoli ed una bottiglia di acqua minerale nello zainetto).
La palestra, l’esercizio muscolare sono anch’essi importanti e vanno utilizzati con prudenza e sotto il controllo di esperti. L’esercizio muscolare contrasta infatti la riduzione della massa magra, consente il modellamento di eventuali gruppi muscolari deficitari. Vedo molto indicato un generale incremento del tono muscolare.

DIETA COME TERAPIA ED EDUCAZIONE ALIMENTARE
la dieta è lo strumento fondamentale per ridurre l’introito calorico ed ottenere un maggior consumo dei grassi. Può essere inoltre molto di più di una semplice restrizione calorica; può diventare uno stile di vita, una terapia per molteplici problemi.
Dovete sapere che sono molte le patologie che vedono nell’alimentazione il principale momento preventivo e terapeutico: tra queste certamente il diabete, l’ipertensione, le malattie cardiovascolari e gastrointestinali, le dislipidemie, l’osteoporosi, talune malattie epatiche e renali.
In molti casi con un unico strumento, la dieta, si possono affrontare più problemi. In un’epoca dove c’è una pillola per ogni disturbo pochi pensano o si ricordano che c’è un modo di curare che passa attraverso la nostra alimentazione, un modo naturale e privo di effetti collaterali, un modo che consente a molti di liberarsi anche di trattamenti farmacologici cronici.
Quando alle mie pazienti parlo di questi vantaggi le vedo maggiormente partecipi perchè sanno che hanno la possibilità di utilizzare uno strumento terapeutico formidabile e duraturo nel tempo; duraturo perchè la dieta è anche educazione alimentare.

LA CARTA VINCENTE: CAMBIARE STILE DI VITA.
L’obesità si può vincere solo con un forte cambiamento dello stile di vita; un cambiamento che parte dall’alimentazione e procede parallelamente attraverso, come abbiamo visto, una buona e regolare attività fisica non trascurando taluni aspetti della vita quotidiana che hanno anch’essi la loro importanza: preferiamo i mezzi pubblici, camminiamo, evitiamo gli ascensori, pratichiamo uno sport, trascorriamo il nostro tempo libero all’aperto.

SITUAZIONI DIFFICILI MA MAI IMPOSSIBILI
So perfettamente che la lotta all’obesità in alcuni casi è ancora più difficile per fattori legati alla famiglia, alla scuola, agli ambienti di lavoro. Non vi arrendete. Cercate aiuto in voi stesse, nelle vostre motivazioni. Affidatevi con fiducia agli Specialisti dell’alimentazione, al vostro Medico di famiglia e non disdegnate anche un supporto, un aiuto psicologico. Vincere l’obesità è troppo importante per voi.

LA DIETA COMPUTERIZZATA
Anche nel settore dietologico l’informatica ha portato un grande contributo positivo. Immaginate la difficoltà di elaborare una dieta ipocalorica per una paziente diabetica, ipertesa, in menopausa ed affetta da osteoporosi. Il computer può fare molto di più: considera i suoi gusti particolari, il periodo stagionale, il livello di attività fisica e di impegno lavorativo, eventuali intolleranze. Ne deriva la produzione di una dieta strettamente individualizzata e quindi con migliori possibilità di successo.

 

 

 

The following two tabs change content below.
Dott. Filiberto Di Prospero
Specialista in Ginecologia e Ostetricia, Endocrinologia e Metabolismo. Direttore dell’Unità di Endocrinologia Ginecologica presso l’Ospedale Santa Lucia di Civitanova Marche 62012. Visita a Civitanova Marche (Macerata), Milano e Roma. Prenotazioni tel. +39 337 634491 Numero Verde (rete fissa) 800131014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.