L’acqua; elemento essenziale per la vita!

Dal punto di vista chimico, l’acqua è costituita da due molecole di idrogeno e una di ossigeno, legati insieme attraverso il legame covalente polare. Essa rappresenta un elemento fondamentale per la vita umana ed animale. L’uomo è costituito circa dal 70% di acqua, il suo contenuto è inversamente proporzionale al contenuto in grasso e le alterazioni tiroidee delle surreni ne modificano la concentrazione nell’organismo.  L’intake giornaliero, dovrebbe essere circa di almeno 1,5 L;  varia a seconda dell’età, delle condizioni fisiologiche ( ad esempio nelle donne in gravidanza, durante l’allattamento e nell’anziano l’introduzione dovrebbe essere maggiore).

Le funzioni dell’acqua sono molteplici; funge  da cofattore nelle reazioni enzimatiche e biologiche nell’organismo, funge da solvente nelle scorie cellulari e dei nutrienti delle cellule, regola la temperatura corporea e svolge inoltre, azione lubrificante ( es. liquido del bulbo oculare, secrezioni ormonali). Quando avvertiamo la sensazione di “ sete” siamo già nella strada della disidratazione! Infatti, una diminuzione del volume di acqua nell’organismo, stimolano gli osmocettori  ( che cambiano conformazione) portando cosi a farci sentire lo stimolo della sete perché l’organismo si trova in stato di disidratazione.

Ma quali sono gli alimenti più ricchi di acqua, in modo da farci garantire l’adeguata assunzione endogena giornaliera?

  • La verdura e gli ortaggi ( cetrioli, zucchine, sedano, pomodori, lattuga etc.).
  • Il latte ( è costituito circa dal 90% di acqua).
  • La frutta ( attenzione però al fruttosio! La dieta mediterranea consiglia infatti, massimo 2 porzioni di frutta al giorno).
  • Il caffè, l’orzo, tisane e tè.

A livello endogeno, come ricaviamo acqua?

Attraverso il metabolismo dei macro nutrienti ( carboidrati, proteine e lipidi)!

Infatti,  100 gr di carboidrati formano circa 55 grammi di acqua, 100gr  di  proteine circa 41gr, 100gr di  lipidi invece quasi 107gr di H2O!

La perdita di acqua giornaliera, ammonta quasi a 2 Litri, varia a seconda le condizioni climatiche,  condizioni emotive, condizioni fisiologiche e patologiche.  La perdita maggiore si ha attraverso l’urina,  segue il sudore e le feci ( per questo, una delle cause di una evacuazione irregolare come la stipsi è dovuta ad un deficit dell’introduzione giornaliera di acqua).

Ma le acque sono tutte uguali?

Assolutamente no! Variano in base al contenuto di Sali minerali che si trovano in essa, i più frequenti sono i fosfati, carbonati, cloruri da calcio, magnesio, bario, silicio, alluminio e ferro. Da sottolineare, che il calcio rappresenta il costituente più importante nell’acqua e la sua concentrazione varia da 10 mg a 200 mg/Litro. Possiamo classificare l’acqua anche in base alla durezza e residuo fisso, il primo  rappresenta la quantità di calcio e magnesio presenti, infatti,  1 grado di durezza, corrisponde a 10 mg di Sali.  Il residuo fisso invece è la quantità di Sali che rimane in superficie dopo la completa evaporazione.

Dal punto di vista nutrizionale, si consigliano le acque minerali ( esse si estraggono da giacimenti presenti nel sottosuolo) ed hanno caratteristiche dipendenti dalla composizione chimica del luogo di origine, sono esenti da contaminazioni microbiologiche.  Esse vengono classificate in base alla concentrazione di Sali minerali  presenti e sono:

  • Minimamente mineralizzate hanno un residuo fisso inferiore a 50mg/L.
  • Oligominerali hanno un residuo fisso da 50 a 500 mg/L.
  • Medio minerali hanno un residuo fisso da 500 a 1500 mg/L.
  • Minerali hanno un contenuto di Sali minerali superiore a 1500 mg/L.

 

Le proprietà delle acque minerali variano a seconda della concentrazione e della tipologia di Sali minerali presenti in essi,  si annoverano proprietà benefiche sulla diuresi e sulla digestione.

Quindi.. Non ci resta che bere di più!  

The following two tabs change content below.
Dott.ssa Sonia Bolognesi

Dott.ssa Sonia Bolognesi

Biologa Nutrizionista, si è laureata in Biologia Molecolare, Sanitaria e della Nutrizione presso la facoltà di scienze biomediche dell'Università di Urbino Carlo Bo con votazione di 110 e lode. Master in nutrizione e dietetica applicata. Esperta in nutrizione antiaging e perfezionata in nutrizione ed integrazione nello sport. Riceve presso: il Centro Medico New Medica a Porto Sant'Elpidio (FM) in Via Canada 3, il Centro Medico Ulisse Loreto Via Pavarotti 10 (AN), Centro Medico Le Palme San Benedetto del Tronto (AP) Via Togliatti 20 , Centro Medico Bio Center a Osimo (AN) in Via Ticino 20. Prenotazioni tel: 3337529564
Dott.ssa Sonia Bolognesi

Ultimi post di Dott.ssa Sonia Bolognesi (vedi tutti)

Dott.ssa Sonia Bolognesi

Dott.ssa Sonia Bolognesi

Biologa Nutrizionista, si è laureata in Biologia Molecolare, Sanitaria e della Nutrizione presso la facoltà di scienze biomediche dell'Università di Urbino Carlo Bo con votazione di 110 e lode. Master in nutrizione e dietetica applicata. Esperta in nutrizione antiaging e perfezionata in nutrizione ed integrazione nello sport. Riceve presso: il Centro Medico New Medica a Porto Sant'Elpidio (FM) in Via Canada 3, il Centro Medico Ulisse Loreto Via Pavarotti 10 (AN), Centro Medico Le Palme San Benedetto del Tronto (AP) Via Togliatti 20 , Centro Medico Bio Center a Osimo (AN) in Via Ticino 20. Prenotazioni tel: 3337529564 

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *