IL PAZIENTE DIAGNOSTICO – ottobre 2010

Quando fondai SaluteDonna.it, vi parlo quindi di circa undici anni fa, ero tra quelli che avevano intuito il grande ruolo che avrebbe avuto internet nell’informazione sanitaria e nella promozione della salute. Ero convinto e lo sono ancora oggi che un paziente informato è anche un paziente più responsabile nel seguire le raccomandazioni terapeutiche e diagnostiche, piu partecipe e quindi più motivato nel combattere la malattia, più attento a comportamenti virtuosi per la propria salute.

 

L’informazione internet, sempre disponibile anche su strumenti diversi dal computer (ricordo che fummo tra i primi a creare pagine leggibili anche dai cellulari), poteva aiutare anche nell’orientamento tra specialisti, servizi, centri di eccellenza; nell’ottica di una medicina moderna che superava confini geografici, barriere economiche ed architettoniche.

Nessuno doveva rimanere solo con la propria malattia e con i propri dubbi: internet quindi a questo scopo si dimostrò uno strumento veramente efficace e noi (un pugno di medici) riuscimmo a fare anche educazione sanitaria. Tutto questo a buon diritto ora è parte di una storia che ancora deve essere completamente scritta e che riguarda la medicina dell’informatizzazione  e della connessione globale.

Ma ora a  distanza di anni, emergono quelli che potremmo definire autentici “effetti collaterali” e tra questi vorrei soffermarmi su quello che ritengo il più insidioso e pericoloso: l’induzione (o facilitazione) all’autodiagnosi.

I disturbi, i sintomi, presunte malattie si trasformano in “parole chiave” ed avviano la ricerca filtrata da algoritmi che nulla hanno a che fare con la semeiotica medica (lo studio dei sintomi e dei segni del paziente); parole chiave che però portano a fonti più o meno attendibili ed a risultati che il paziente interpreta talvolta  come una diagnosi.

So che un procedimento di “autoidentificazione diagnostica” può avvenire anche ascoltando il racconto di un parente o di un amico oppure leggendo una rivista acquistata in edicola ma il fenomeno internet ha dimensioni molto diverse e capacità suggestive enormi.

L’evoluzione del “paziente informato” verso il “paziente diagnostico” è breve e piuttosto facile. Quando si verifica paradossalmente porta a stravolgere il ruolo del medico visto come uno strumento prescrittivo, esecutivo in funzione di una diagnosi già fatta. E purtroppo un simile atteggiamento trova terreno favorevole li dove è stata distrutta la centralità del medico e li dove viene stimolato sempre più il ricorso all’automedicazione.

Può avvenire così che il paziente vada a visita con una propria identificazione diagnostica e che enfatizzi più o meno inconsciamente alcuni sintomi piuttosto che altri o che tralasci (e non racconti) aspetti della propria malattia da lui ritenuti trascurabili. Può accadere anche che escuda il proprio Medico di famiglia e vada direttamente ad una visita specialistica ed infine che preso da una diagnostica differenziale che non gli appartiene cada in una confusione tale da fargli smarrire quello che è il suo vero problema.

Il lavoro del medico quindi può diventare ancora più arduo e in mancanza di una  rigorosa metodologia diagnostico-differenziale ed un attento esame semeiologicico paga il vantaggio di un utente informato con il rischio di essere condotto in percorsi del tutto inappropriati.

The following two tabs change content below.
Dott. Filiberto Di Prospero
Specialista in Ginecologia e Ostetricia, Endocrinologia e Metabolismo. Direttore dell’Unità di Endocrinologia Ginecologica presso l’Ospedale Santa Lucia di Civitanova Marche 62012. Visita a Civitanova Marche (Macerata), Milano e Roma. Prenotazioni tel. +39 337 634491 Numero Verde (rete fissa) 800131014
Dott. Filiberto Di Prospero

Dott. Filiberto Di Prospero

Specialista in Ginecologia e Ostetricia, Endocrinologia e Metabolismo. Direttore dell’Unità di Endocrinologia Ginecologica presso l’Ospedale Santa Lucia di Civitanova Marche 62012. Visita a Civitanova Marche (Macerata), Milano e Roma. Prenotazioni tel. +39 337 634491 Numero Verde (rete fissa) 800131014 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.