Esercizio fisico in menopausa.

Effetti dell’attività fisica.

Esiste un diretto rapporto fra l’assenza e/o la riduzione del movimento e il decorso più veloce dei processi di invecchiamento. L ‘attività fisica è infatti importante per l’ottimale mantenimento di tutti i tessuti.

In menopausa il tessuto osseo è particolarmente critico e soggetto a diverse patologie. Un valido ausilio di prevenzione e di mantenimento di questo tessuto è proprio il movimento: iniziato in giovane età porta ad un aumento della massa ossea con valori massimi tra i 30 ed i 40 anni, con azione preventiva sull’osteoporosi.

La risposta agli stimoli meccanici dovuti al carico assiale sullo scheletro fa aumentare l’attività osteoblastica con conseguente apposizione di tessuto osseo.Tale risposta dipende strettamente dal tipo di attività motoria svolta.

 

-IL CAMMINO,LA CORSA,IL FARE LE SCALE, STIMOLANO CONSIDEREVOLMENTE LA PRODUZIONE DI  TESSUTO OSSEO ;

-IL NUOTO E GLI ESERCIZI IN ACQUA IN GENERE STIMOLANO MAGGIORMENTE LA CIRCOLAZIONE ;

-LA CICLETTE NON HA GROSSI EFFETI SULLA STIMOLAZIONE DEGLI OSTEOBLASTI  ,SE EFFETTUATA SENZA ALTRI ESERCIZI .

-MANTENERE  UNA BUONA FORMA FISICA  SIGNIFICA COMBATTERE I PROCESSI DI INVECCHIAMENTO CELLULARE,

-AVERE  UN BUON LIVELLO DI FORZA,

–        STIMOLARE LE ENDORFINE ,QUINDI AUMENTARE IL  BUON UMORE,

–        -ESSERE ELASTICI ,

–        -AVERE MAGGIORE COORDINAZIONE,

–        -MIGLIORARE LE CONDIZIONI CARDIO-CIRCOLATORIE,

–        -E’ UTILE PER PREVENIRE ALTERAZIONI POSTURALI, –

–        -AUMENTARE LA STABILITÁ NEL CAMMINO

–        -RENDERE PIÚ FLUIDE TUTTE LE ATTIVITÁ DELLA VITA QUOTIDIANA.


LA MENOPAUSA É UN PERIODO PARTICOLARMENTE ADATTO  PER EFFETTUARE UN PROGRAMMA DI ATTIVITÁ MOTORIE ADEGUATE ALLE PROPRIE CONDIZIONI PSICO-FISICHE, É IL MOMENTO DI AVVICINARSI AL MOVIMENTO PER CHI SI É SEMPRE FATTO VINCERE DALLA PIGRIZIA.

É STATO INOLTRE DIMOSTRATO CHE UN PROGRAMMA DI CONDIZIONAMENTO GENERALE DIMINUISCE IL RISCHIO DI CADUTE,CHE SOLITAMENTE CAUSANO NEI PAZIENTI OSTEOPOROTICI FRATTURE CON CONSEGUENTI DEFORMITA’ INVALIDANTI.

 

LA VALUTAZIONE DEGLI ESERCIZI  IN TERMINI DI SICUREZZA, EFFICACIA  E  PROFILASSI, DEVE ESSERE VALUTATA  DA  PROFESSIONISTI DEL SETTORE, CHE DEVONO TENRE IN CONSIDERAZIONE  L’ETÁ ,LO STATO DI SALUTE GENERALE AL FINE DI SELEZIONARE GLI ESERCIZI  PIÚ ADATTI ALLE CONDIZIONI DI UNA DONNA IN MENOPAUSA.-

 

Attività motoria consigliata ad una donna di 53 anni in menopausa con osteoporosi di grado lieve.

-1 ora al giorno di marcia sostenuta

-potenziamento  dei muscoli dello scheletro appendicolare con esercizi a corpo libero.

-potenziamento della parete addominale

-esercizi di respirazione per mantenere l’elasticità del diaframma e per garantire la buona funzionalità dell’aponeurosi pelvica e cervicale.

-potenziamento del cingolo pelvico e della loggia muscolare posteriore.

-stretching 

 

The following two tabs change content below.
Avatar

Dott. Manuela Emili

Avatar

Ultimi post di Dott. Manuela Emili (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.