Allergie e intolleranze alimentari.. Facciamo un po’ di chiarezza!

Nel gergo comune, molto spesso si tende a confondere i 2 termini, ma sono 2 reazioni ben distinte e   completamente  diverse;

Le allergie alimentari presentano una prevalenza del 3-4% negli adulti e del 6% in età pediatrica. L’European Academy of Allergy and Clinical Immunology http://www.eaaci.org/ ha suddiviso le reazioni avverse agli alimenti in:

Tossiche e non tossiche. Le prime sono causate da sostanze nocive contenute negli alimenti ingeriti (esempi tipici sono l’intossicazione da funghi e la gastroenterite causata da tossine batteriche contenute in cibi avariati), sono dose dipendenti e indipendenti dalla sensibilità individuale. Le reazioni non tossiche sono invece legate alla suscettibilità individuale ad alcuni componenti di alimenti igienicamente sani e tossicologicamente non nocivi. Risultano inoltre indipendenti dalla dose ingerita.

L’allergia alimentare rappresenta un’anormale risposta del sistema immunitario verso antigeni (in questo caso allergeni) assorbiti per via orale. Il sistema immunitario, presente nella mucosa intestinale, incontra quotidianamente enormi quantità di antigeni e, normalmente, sopprime la sua reattività nei confronti di antigeni esterni innocui, mentre è in grado di fornire un’efficace risposta nei confronti di patogeni pericolosi. Il meccanismo attraverso cui il sistema immunitario del tratto gastrointestinale non reagisce verso antigeni esterni innocui è definito “tolleranza orale”. L’allergia alimentare potrebbe, quindi, essere o il risultato di un’alterazione dei meccanismi di tolleranza nei confronti di alimenti ingeriti (allergia alimentare di classe 1), o di una sensibilizzazione nei confronti di allergeni alimentari che presentano analogie strutturali con allergeni inalatori (allergia alimentare di classe 2).

Le allergie più frequenti: 

NICHEL 

E’ piuttosto frequente, soprattutto nel sesso femminile ed è favorita dal contatto prolungato e continuo della cute con bigiotteria contenente nichel. Una dieta a basso contenuto di nichel riduce la frequenza di dermatite da contatto endogeno determinati dal contatto delle mucose interne dell’organismo con il nichel contenuto negli alimenti.

ALLERGIA ALLA FRUTTA SECCA

Comprende noci comuni, noci brasiliane, pistacchi, mandorle, nocciole. I principali allergeni sono alcune proteine quali: albumine, legumine, viciline ed il lipid transfer protein. Tali allergeni sono comuni alle diverse specie di frutta oleosa, pertanto si raccomanda ai soggetti allergici anche ad uno solo di questi semi di escluderli tutti.

ALLERGIA AL FRUMENTO

Sono responsabili le parti proteiche del chicco: albummine, globuline, gliadine, glutenine.

 

CROSS REATTIVITÀ 

E’ la reazione per cui un soggetto allergico a una sostanza (cibo o inalante) è allergico anche a un’altra sostanza con cui apparentemente non è mai venuto in contatto. La sensibilizzazione ad alcuni frutti e vegetali è associata alla sensibilizzazione ad altri alimenti appartenenti o alla stessa famiglia botanica o a famiglie differenti, oppure persone affette da allergia a pollini possono presentare sintomi allergici all’ingestione di alimenti vegetali quali frutta, verdura e spezie. Tale condizione è determinata dalla presenza di epitopi allergenici comuni (sedi di riconoscimento tra antigene ed anticorpo) su proteine allergeniche presenti in cibi estranei tra loro ma, appartenenti alla stessa famiglia o estranee tra loro.

Esempi di alimenti che presentano il fenomeno della CROSS REATTIVITÀ : 

INTOLLERANZE ALIMENTARI

Sono reazioni avverse agli alimenti di tipo non tossico che si manifestano senza l’intervento del sistema immunitario. Sono suddivise in enzimatiche, farmacologiche, indefinite.

LE INTOLLERANZE ALIMENTARI PER DEFICIT ENZIMALE.

Le intolleranze enzimatiche Sono causate dalla mancanza o scarsa produzione di specifici enzimi indispensabili per metabolizzare e rendere assimilabili alcuni nutrienti e in trattamento dietetico consiste nel ridurre drasticamente l’apporto di quei nutrienti che l’organismo non è in grado di metabolizzare. Ricordiamo la fenilchetonuria una malattia genetica dovuta alla carenza di un enzima, la fenilanina idrossilasi, che ha la funzione di metabolizzare un aminoacido: la fenilalanina, ciò determina un accumulo di tale aminoacido e di altre sostanze tossiche con conseguente ritardo mentale, epilessia, insufficiente crescita del cervello, oppure il favismo altra malattia genetica caratterizzata dall’assenza nei globuli rossi dell’enzima glucosio-6- fosfato-deidrogenasi necessario per la metabolizzazione del glucosio. I soggetti con questo deficit quando ingeriscono le fave vanno incontro ad emolisi, anemia e ittero. Nel primo caso la dieta prevede l’esclusione dei cibi ricchi di proteine (carne, pesce, uova, latte, frutta secca) e il dolcificante aspartame (contiene fenilalanina), nel secondo caso sono da escludere fave e piselli. Sicuramente la più frequente intolleranza enzimatica è quella al lattosio. E’ causata da una diminuita produzione dell’enzima lattasi da parte delle cellule della mucosa intestinale. Tale enzima ha la funzione di scindere il lattosio (zucchero) nei due monosaccaridi che lo costituiscono (glucosio e galattosio) i quali possono essere assorbiti. Il deficit di lattasi congenito è raro, mentre il deficit a esordio tardivo può insorgere sia negli adulti sia nei bambini in età scolare. In questi casi il deficit di lattasi non è mai assoluto, così piccole quantità di lattosio possono essere tollerate. I sintomi sono: meteorismo, distensione e dolori addominali, crampi, diarrea. Il mancato assorbimento del lattosio e la sua permanenza nell’intestino infatti promuovono da una parte la fermentazione del lattosio ad opera della flora batterica intestinale con la produzione di gas, dall’altra il richiamo di acqua e diarrea. I sintomi si manifestano al massimo dopo qualche ora dall’ingestione di cibi contenenti lattosio e la loro intensità è proporzionale alla quantità di lattosio.

 

 INTOLLERANZE ALIMENTARI FARMACOLOGICHE

Alcune amine biogene , in particolare: l’istamina,la tiramina e la feniletilamina presenti in alcuni alimenti possono determinare le intolleranze farmacologiche così come la caffeina, la teofillina e l’alcool. I sintomi sono rappresentati da: orticarie e angioedema, i più tipici, ma possono esserci anche dispepsia, dolori addominali e diarrea. Inoltre la tiramina e la feniletilamina possono indurre: aumento della pressione ateriosa, palpitazione, sudorazione ed emicrania.

Johansson SG, Hourihane JO, Bousquet J, Bruijnzeel-Koomen C, Dreborg S, Haahtela T, et al. A revised nomenclature for allergy. An EAACI position statement from the EAACI nomenclature task force. llergy 2001;56:813-24

Sicherer SH, Sampson HA. Food allergy. J Allergy Clin Immunol 2006;117:S470-5.

Sampson HA. Update on food allergy. J Allergy Clin Immunol 2004;113:805-19.

The following two tabs change content below.
Dott.ssa Sonia Bolognesi

Dott.ssa Sonia Bolognesi

Biologa Nutrizionista, si è laureata in Biologia Molecolare, Sanitaria e della Nutrizione presso la facoltà di scienze biomediche dell'Università di Urbino Carlo Bo con votazione di 110 e lode. Master in nutrizione e dietetica applicata. Esperta in nutrizione antiaging e perfezionata in nutrizione ed integrazione nello sport. Riceve presso: il Centro Medico New Medica a Porto Sant'Elpidio (FM) in Via Canada 3, il Centro Medico Ulisse Loreto Via Pavarotti 10 (AN), Centro Medico Le Palme San Benedetto del Tronto (AP) Via Togliatti 20 , Centro Medico Bio Center a Osimo (AN) in Via Ticino 20. Prenotazioni tel: 3337529564
Dott.ssa Sonia Bolognesi

Dott.ssa Sonia Bolognesi

Biologa Nutrizionista, si è laureata in Biologia Molecolare, Sanitaria e della Nutrizione presso la facoltà di scienze biomediche dell'Università di Urbino Carlo Bo con votazione di 110 e lode. Master in nutrizione e dietetica applicata. Esperta in nutrizione antiaging e perfezionata in nutrizione ed integrazione nello sport. Riceve presso: il Centro Medico New Medica a Porto Sant'Elpidio (FM) in Via Canada 3, il Centro Medico Ulisse Loreto Via Pavarotti 10 (AN), Centro Medico Le Palme San Benedetto del Tronto (AP) Via Togliatti 20 , Centro Medico Bio Center a Osimo (AN) in Via Ticino 20. Prenotazioni tel: 3337529564 

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.