Alimentazione ed obesità

Le donne hanno da sempre una maggiore tendenza a diventare obese rispetto all’uomo per via di momenti che costituiscono veri e propri “fattori di rischio”, come le variazioni ormonali e metaboliche legate al menarca, ai disturbi mestruali, alle gravidanze ed alla menopausa; ed è soprattutto dopo la menopausa che molte si accorgono di un incremento ponderale più o meno importante, che avviene nonostante le immutate abitudini di vita (alimentazione, attività fisica) e che è difficilmente contrastabile.

 

In una ampia popolazione menopausale delle Marche, da noi recentemente studiata, abbiamo riscontrato come ben il 44 % delle donne abbia problemi di sovrappeso o di franca obesità;. Il dato è certamente importante ed allarmante se consideriamo che l’incremento patologico del tessuto adiposo in queste pazienti avviene perdendo la distribuzione tipicamente femminile (glutei, fianchi e cosce) a favore di una localizzazione prevalentemente “centrale” tipica dell’uomo (addome e visceri interni) che non comporta solo problemi estetici ma soprattutto un maggior rischio per diabete, dislipidemie, malattie cardiovascolari (ipertensione arteriosa e infarto). E non bisogna dimenticare che nella donna l’obesità comporta anche un maggior rischio di sviluppare tumori all’utero ed alla mammella.

L’obesità è sempre un problema multifattoriale in cui convergono fattori genetici (costituzionali), ormonali, alimentari e legati all’attività fisica; ma in questa forma ad insorgenza post-menopausale la ricerca scientifica ha identificato come fattore determinante la carenza estrogenica legata alla cessazione della funzione ovarica che porterebbe a variazioni del metabolismo energetico e dell’attività biologica delle stesse cellule adipose.

  Il Dott. Di Prospero è stato tra i primi ad interessarsi a questo importante argomento. Nelle foto il suo intervento a UNO MATTINA con Antonella Clerici


Ricercatori americani ed europei (noi compresi) hanno quindi valutato se una terapia estrogenica sostitutiva intrapresa precocemente potesse avere un effetto protettivo. I risultati sono stati molto incoraggianti perchè hanno evidenziato che le pazienti normopeso in trattatamento mantengono anche dopo anni il proprio peso ideale se non intervengono modificazioni alimentari o dello stile di vita. Un recente studio della Washington University ha anche aperto nuove frontiere terapeutiche, dimostrando come in donne che hanno seguito un programma dietetico ipocalorico e di esercizio fisico controllato la terapia estrogenica sostitutiva aiuta a mantenere nel tempo il peso raggiunto. Nel nostro Centro abbiamo dimostrato inoltre un effetto stabilizzante anche in donne con lieve sovrappeso.

I benefici della terapia estrogenica sostitutiva in menopausa sono numerosi: determina la scomparsa delle caldane, dell’insonnia, dell’irritabilità, della depressione; migliora la memoria e previene il Morbo di Alzheimer; previene le malattie cardiovascolari (particolarmente l’ipertensione e l’infarto), l’osteoporosi post-menopausale ed i disturbi genito-urinari legati all’età; contribuisce a mantenere un aspetto più giovanile (effetti postivi su cute, capelli e distribuzione del tessuto adiposo). L’evidenza quindi di un effetto preventivo sull’obesità ad insorgenza post-menopausale accresce l’interesse dei ginecologi e di figure professionali che tradizionalmente si sono sempre interessate al problema (medici di base, dietologi ed internisti).

Il consiglio che possiamo dare alle donne è quindi di controllare il proprio peso principalmente prima della menopausa (quando le diete ipocaloriche sono anche più efficaci), mantenendolo il più possibile prossimo a quello ideale; successivamente potrà aiutarle la terapia estrogenica. Ma per non creare facili entusiasmi bisogna sempre tener presente che nessuna terapia sarà efficace senza una corretta alimentazione ed una adeguata attività fisica

The following two tabs change content below.
Dott. Filiberto Di Prospero
Specialista in Ginecologia e Ostetricia, Endocrinologia e Metabolismo. Direttore dell’Unità di Endocrinologia Ginecologica presso l’Ospedale Santa Lucia di Civitanova Marche 62012. Visita a Civitanova Marche (Macerata), Milano e Roma. Prenotazioni tel. +39 337 634491 Numero Verde (rete fissa) 800131014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.