ENDOMETRIOSI: quale prevenzione e quale cura?

Un'aggiornamento sulle strategie terapeutiche per l'Endometriosi. Operare o scegliere la terapia medica? Il fattore riproduttivo sempre più importante nelle valutazioni.

Di endometriosi contrariamente al passato ora si parla molto e forse anche si straparla. Ricordo quando diversi anni sempre dalle pagine di questo storico sito affermavo la necessità di conoscere meglio questa malattia e particolarmente la necessità di diffonderne informazioni tra le donne.

La sensibilizzare delle donne fu un momento importante nella lotta ll’endometriosi perché portò ad una maggiore consapevolezza, a diagnosi più tempestive (precoci), alla nascita di Associazioni di pazienti.

Il tempo è passato e se ora devo fare una valutazione riguardo il problema endometriosi in Italia devo dire che c’è da rimane sconcertati; infatti anche per l’endometriosi come per tanti altri problemi importanti della nostra società abbiamo avuto la solita serie di annunci, manifestazioni di intenzioni, raccolte di fondi ma la mia impressione è che il paziente è e rimane ancora oggi solo con la propria malattia.

A fronte infatti di progressi terapeutici sia sul fronte chirurgico che della terapia medica mancano percorsi assistenziali preferenziali e codificati (protocolli) per una malattia che ha come voi sapete implicazioni riproduttive, socio-relazionali e sulla qualità di vita di pazienti anche giovanissime.

Accanto a tutto questo è innegabile che è aumentata la confusione ed il proliferare di chi sembra abbia soluzioni miracolose per una malattia sulla cui origine (etiologia ed etiopatogenesi) in realtà sappiamo ancora molto poco.

Vorrei quindi soffermarmi brevemente su due punti fondamentali:

       esiste una prevenzione?

       Qual’è la terapia, la cura migliore?

Una prevenzione “pimaria” cioè che eviti l’insorgenza della malattia non esiste; dubito fortemente di chi suggerisce determinati stili alimentari. Esiste invece una prevenzione secondaria, una diagnosi precoce basta sull’identificazione dei sintomi e la condotta di esami ormai entrati nella pratica clinica routiniaria come la visita ginecologica, l’ecografia pelvica transvaginale ed il dosaggio del CA 125. L’endometriosi sostengo da tempo che va cercata perchè purtroppo è molto frequente. Una diagnosi precoce consente strategie terapeutiche efficaci e buone chances riproduttive.

Per quanto riguarda la terapia, la cura, il discorso è certamente molto complesso ma bisogna subito chiarire che non esiste una terapia migliore delle altre ma piuttosto una sinergia terapeutica migliore rispetto ad altre. Un dato molto importante ed incontrovertibile è che l’endometriosi è una malattia sensibile agli ormoni e la terapia medica (spesso endocrinologica) non è assolutamente antitetica alla chirurgia e viceversa.

Nel corso degli anni si sono affermati farmaci di grande efficaci nella terapia a breve o lungo termine di questa malattia: si va dalla pillola tradizionale agli Analogo del GnRH (farmaci che creano un transitoria condizione menopausale), dalla pillola progestinica e dai progestinici androgenici alle più moderne molecole progestiniche come dienogest ed alla possibilità di usare anche dispositivi medicati endouterini.

La terapia chirurgica ha visto un particolare sviluppo dell’approccio mini-invasivo laparoscopico ed il maturare della consapevolezza dell’inutilità di una eccessiva aggressività sulle piccole lesioni, del rispetto dell’ovaio come organo endocrino-riproduttivo. E’ diventata fortunatamente sempre più rara la necessità di interventi chirurgici ripetuti e demolitivi.

La giusta modulazione e l’integrazione delle cure oggi se ben condotta consente alle donne affette da endometriosi anche in stadio avanzato ottime possibilità di risultato.

Rating: 4.7. From 3 votes.
Please wait...
The following two tabs change content below.
Dott. Filiberto Di Prospero
Specialista in Ginecologia e Ostetricia, Endocrinologia e Metabolismo. Direttore dell’Unità di Endocrinologia Ginecologica presso l’Ospedale Santa Lucia di Civitanova Marche 62012. Visita a Civitanova Marche (Macerata), Milano e Roma. Prenotazioni tel. +39 337 634491 Numero Verde (rete fissa) 800131014
Dott. Filiberto Di Prospero

Dott. Filiberto Di Prospero

Specialista in Ginecologia e Ostetricia, Endocrinologia e Metabolismo. Direttore dell’Unità di Endocrinologia Ginecologica presso l’Ospedale Santa Lucia di Civitanova Marche 62012. Visita a Civitanova Marche (Macerata), Milano e Roma. Prenotazioni tel. +39 337 634491 Numero Verde (rete fissa) 800131014 

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *