Otorino

Nell’area otorino abbiamo incluso argomenti che riguardano disturbi otorinolaringoiatrici molto comuni come la rinite (raffreddore) particolarmente quando la loro gestione è resa più complessa dalla stato gravidico e dall’allattamento. La rinoplastica è un intervento di chirurgia estetica sempre più diffuso e talvolta associato anche a procedure di tipo terapeutico sulle cavità nasali. Altri capitoli sono dedicatei alle mamme per il loro ruolo importante nell’osservazione dei bambini e nell’individuazione precoce di disturbi delle alte vie respiratorie come quelli tonsillari (tonsilliti). Il russamento (russare o roncopatia) oggetto spesso di ilarità e conflitti familiari è in realtà una malattia; le apnee respiratorie notturne colpiscono un numero sempre maggiore di donne con ripercussioni negative sull’apparato cardiovascolare, nervoso e respiratorio.

Eziopatogenesi
In una elevata percentuale (circa il 60% dei casi) durante la gravidanza compare una rinite persistente legata agli elevati livelli ematici di ormoni (Estrogeni e Progesterone). Gli ormoni stimolano la mucosa del naso causando gonfiore e congestione. Nelle forme più gravi e non reversibili, si riscontrano lesioni a carico dei turbinati.
I turbinati sono tre “sporgenze ossee” situate in ogni fossa nasale e sono formati da una piccola “lamina” di osso ricoperta da mucosa.
La mucosa che li riveste sotto l’azione continua dello stimolo ormonale si ipertrofizza: cioè si “gonfia”. La rinite si aggrava progressivamente nel corso della gravidanza, ma scompare quasi sempre dopo il parto. Solo nel 10 % dei casi la condizione morbosa non scompare e persiste anche durante l’eventuale allattamento diventando talvolta (1% dei casi) irreversibile.

Continua a leggere

Il russare è sempre stato oggetto di ilarità e scherno oltre che fonte di disturbo per il partner e origine di conflitti familiari. Questo rumore viene prodotto, durante il sonno, dalla vibrazione di organi e strutture attraversati dall’aria nella respirazione: il palato molle e l’ugola, la parete posteriore della gola, le tonsille, la lingua, l’epiglottide.

Continua a leggere